quarto appuntamento_Rassegna Cinematografica_Viaggio attraverso l’imprevedibile luglio 2016

locandina

ULTIMA TAPPA guarda il promo

Il VIAGGIO ATTRAVERSO L’IMPREVEDIBILE, rassegna cinematografica all’aperto promossa dal collettivo utopia nell’ambito del percorso di riqualificazione dell’area ex circumvesuviana, arriva al capolinea.

Giovedì 28 luglio 2016 alle 21:00 a staZIONe UtOpiA arriva un classico del cinema di Emir Kusturica: “La vita è un miracolo”.

Presentato alla 57° edizione del Festival di Cannes, il film racconta la storia di un amore cosmopolita, capace di superare le barriere delle ostilità razziali, religiose e geopolitiche.

La trama: il film narra la storia dell’ingegnere serbo Luka , di suo figlio Miloš, giovane calciatore che sogna di giocare nel Partizan e della moglie Jadranka, lunatica cantante lirica, in uno sperduto paesino tra i monti della Bosnia all’inizio del 1992.

Luka progetta una ferrovia turistica interstatale Serbia-Bosnia, ma lo scoppio della guerra complica tutto. Il figlio Miloš, viene fatto prigioniero, Jadranka in preda alla follia scappa con uno xilofonista ungherese e Luka riscopre l’amore nell’incontro con Sabaha, una giovane infermiera bosniaca-musulmana.

Balli, feste, ubriacature, letti che volano, treni che si muovono quasi a caso sulla ferrovia, perno principale delle vicende surreali dei protagonisti. Un turbine grottesco davvero imperdibile.

Alla presentazione del film, Kusturica dichiara:

“Voglio continuare a credere che la vita è un miracolo perché i miracoli accadono davvero. La speranza nella nostra vita non deve essere sconfitta. Questo film è in fondo ottimista, un po’ triste, ma ottimista. Dobbiamo sapere vedere anche gli aspetti belli pur in mezzo alla tragedia”.

Un pensiero che è in perfetta armonia con l’intento del collettivo utopia di riscoprire e rivalutare un luogo, staZIONe UtOpiA, di grandi potenzialità, sfregiato per anni dall’incuria e dall’abbandono e che da qualche tempo non smette di stupire.

Come sempre, durante le proiezioni ci sarà l’esposizione delle opere pittoriche di Walter Molli della collezione TRAINS.

Ricordiamo a tutti che l’iniziativa è culturale, autofinanziata e autogestita, non ha scopo di lucro alcuno e intende promuovere il recupero dei luoghi abbandonati e gli usi civici di tali spazi.

 

This entry was posted in sul territorio. Bookmark the permalink.