Anno scolastico 2013/2014

Il collettivo utopia in collaborazione con la Rete dell’Economia Solidale propone

L’economia del noi sbarca a scuola” percorso didattico/laboratoriale sull’economia solidale                                        

Da un’economia di mercato ad un’economia delle relazioni                                   Nell’attuale economia dove l’esternalizzazione dei costi è una pratica diffusa, dove la maggior parte delle azioni delle persone sono guidate dalla obsolescenza programmata e percepita e dall’illusione che le risorse siano infinite, l’essere umano si allontana sempre di più dalla sua dimensione naturale, in un processo di alienazione che non lascia spazio alla relazione con se stesso, né tantomeno con gli altri.

La RES (Rete di Economia Solidale) ha come finalità la realizzazione di un sistema economico e sociale, non violento e solidale, orientato all’ecologia ed al bene comune, costruito dal basso, che valorizza le relazioni prima che il capitale, che riconosce una equa ripartizione delle risorse fra tutti, che dà priorità al rispetto dell´ambiente naturale e della comunità sociale, in collegamento con analoghe esperienze in Italia e nel mondo.

Da qualche anno la RES è attiva sul progetto “Sbarchi in Piazza”, un’esperienza che attraverso la testimonianza dei produttori agro-alimentari (e non solo) del sud realizza importanti momenti di incontro, confronto e riflessione sull'”economia del noi”, economia che realizza per produttori e consumatori una vera e propria “ecologia del vivere”, attraverso la riappropriazione consapevole, collettiva e partecipata del controllo sulla produzione e il consumo.

Dal progetto Sbarchi in Piazza è nata l’esigenza di coinvolgere docenti genitori e studenti sui temi dell’economia solidale in progetti dedicati agli ambiti scolastici.

Partendo da queste considerazioni il Collettivo Utopia, associazione di promozione sociale attiva dal 2002, partecipa ai progetti della rete nazionale proponendoli a livello locale.

L’Economia del noi sbarca a scuola                                                                                       Il percorso didattico/laboratoriale, proposto agli istituti scolastici prevede spunti teorici di Economia Solidale: nuovi modelli di consumo, produzione sostenibile, equa distribuzione delle risorse, il valore delle relazioni, rispetto dell’ambiente, con alcuni incontri formativi-informativi e iniziative tematiche finalizzate al raggiungimento di specifici obiettivi per i diversi ordini di scuola: infanzia – primaria – secondaria di primo grado.

 COOPERANDO                                                                                                 NELL’ECONOMIA DEL NOI

Il progetto Cooperando mira a far conoscere agli alunni il mondo della cooperazione attraverso alcuni esempi che la natura offre (es. il mondo delle api), con il supporto di unità didattiche (trattate in forma trasversale alle discipline) e con l’osservazione diretta di tale cooperazione per le classi che si recheranno presso CasaOrza di Torrecuso.

Dalla cooperazione del mondo delle api, si passerà alla cooperazione tra esseri umani con la presentazione di nuove forme di organizzazione sociale (Gas, Rete di economia solidale..) e di nuovi modelli di relazione e di consumo.

Gli alunni avranno modo di assaggiare i vari prodotti (miele, pane,arance) che sono il risultato di tale cooperazione e di tanti valori e azioni orientate al rispetto degli individui e delle relazioni umane.

Infine i bambini daranno vita ad un piccolo giardino che verrà concimato con compost autoprodotto attraverso azioni a sostegno dell’ecologia e del bene comune.

Destinatari:                                                                                                                           Indiretti: Genitori e Docenti                                                                                                   Diretti: Bambini

Obiettivo generale:                                                                                                           conoscere il significato di idee e azioni orientate all’ecologia e al bene comune, al valore della cittadinanza attiva, delle relazioni, della cooperazione e dell’equa ripartizione delle risorse.

Obiettivi specifici:

  1. Favorire processi di sensibilizzazione sulle tematiche dell’economia solidale da parte dei genitori, degli alunni e dei docenti.
  2. Sperimentare ed osservare i fenomeni di trasformazione degli elementi naturali ( seme, farine, miele, ecc.).
  3. Apprendere il valore della cittadinanza attiva, delle relazioni, della cooperazione e dell’equa ripartizione delle risorse.
  4. Acquisire piccole pratiche di sostenibilità ambientale.
  5. Conoscere la realtà dei Gas (Gruppi di Acquisto Solidale) e della ResSud (Rete dell’Economia Solidale del Sud Italia).

Azioni:

  1. Incontro formativo/informativo sul tema dell’economia solidale rivolto ai genitori e ai docenti.
  2. Incontro a scuola con un produttore locale per narrare e mostrare il processo di trasformazione degli elementi naturali (es.dal grano al pane).
  3. Proiezione video “La storia delle cose” di Annie Leonard
  4. Intervento a scuola di un gasista del GASP che mostrerà agli alunni la tecnica del compostaggio. Questa verrà utilizzata per la sperimentazione di un piccolo giardino davanti la scuola.
  5. Incontro con i produttori locali, Gasp (Gruppo di acquisto solidale partecipativo) e un rappresentante della Ressud.

Risorse umane:

1 docente per classe – Genitori (1 rappresentante di classe)- 1-2 Agricoltori – 1 GASista (Gruppo di Acquisto Solidale) – 2 esperti esterni.

Risorse materiali:

Aula magna – proiettore, area verde esterna, aule, materiale informativo cartaceo, attrezzi da giardinaggio e per la coltivazione, semi.

Metodologia:

La metodologia utilizzata è di tipo attivo-esperenziale che favorisce la partecipazione diretta e il coinvolgimento degli alunni come attori della formazione.

Prevede comunque brevi input teorici che rappresentano il supporto cognitivo ad una più ampia ed incisiva attività esperienziale inerente le molteplici situazioni relazionali in cui le tematiche scelte possono essere sperimentate e vissute.

Le attività esperienziali sono solitamente suddivise in fasi:

  • Fase rompighiaccio: serve a creare un’atmosfera ludica, cioè un clima piacevole che consente ai vari componenti del gruppo di sciogliere le tensioni e stabilire contatti positivi e propedeutici alle successive attività.
  • Fase dell’attivazione: rappresenta l’attività fondamentale di sperimentazione della competenza, tramite esercitazioni in cui si cerca di realizzare in ambiente protetto il nuovo apprendimento
  • Fase di discussione in plenaria: consente il riconoscimento del significato del lavoro svolto, ciò che si è imparato e le difficoltà incontrate.

Si effettuerà un lavoro di trasposizione delle tematiche da trattare in laboratori esperienziali, con il supporto di osservazioni dirette e di ausili e sussidi didattici. Si cercherà di sviluppare quelle competenze previste dalle indicazioni curricolari nazionali attraverso esperienze che partono dal vissuto personale, dal concreto e dalla natura per giungere alla capacità di astrazione e concettualizzazione formale dei contenuti dati.

Tempi: Marzo-Aprile-Maggio:

2 ore totali incontro formativo/informativo genitori-docenti                                                      2  ore settimanali (didattica e laboratori)                                                                                  Ore totali 22

Valutazione:

Su un diario di bordo verranno riportate le osservazioni riguardanti le diverse attività didattiche e laboratoriali e gli incontri formativi/informativi: i punti critici, i cambiamenti e i momenti particolari.

Costi stimati:                                                                                                                        Esperti esterni 800 €                                                                                                          Contributo Produttore e Gasista 100 €                                                                                      Materiale destinato allo svolgimento delle attività in classe 150 €                                              Materiale destinato allo svolgimento delle attività in giardino 250 €                                          Teatro 200 €                                                                                                                                  Totale 1500 €

I costi sono da considerarsi per un gruppo di partecipanti massimo di 25 bambini.                   Potranno essere valutate le esigenze specifiche dell’istituto.

Esperienze pregresse in contesti scolastici e sociali:

  • Realizzazione di una mostra didattica sul tema “Il caffè ed il Commercio equo e solidale”, in collaborazione con l’Associazione Sott’en’copp’ di San Sebastiano al Vesuvio (NA); Aprile 2004, Marigliano (NA).

  • Ideazione e realizzazione del progetto “Il mondo dei Consum-Attori”, laboratori didattici creativi per studenti dell’Istituto Comprensivo “Catullo-Falcone”; Gennaio – Marzo 2002, Pomigliano d’Arco (NA).

  • Organizzazione e gestione della giornata di formazione regionale sul Commercio Equo e Solidale “Approfondimenti sull’ AGICES (Assemblea Generale Italiana Commercio Equo e Solidale)”, in collaborazione con il Coordinamento Campano sul Commercio Equo e Solidale; 14 Novembre 2004, Marigliano (NA).
  • Organizzazione e gestione del presidio di informazione, promozione e vendita dei prodotti del Commercio Equo e Solidale presso il Liceo Scientifico Classico “E. Torricelli”; Dicembre 2006, Somma Vesuviana (NA).
  • Organizzazione e gestione del presidio di informazione, promozione e vendita dei prodotti del Commercio Equo e Solidale presso dell’Istituto Tecnico Commerciale e Geometri “Masullo”; Maggio 2006 – Dicembre 2006, Nola (NA).
  • Ideazione e realizzazione del progetto “Il mondo dei Consum-Attori”, laboratori didattici creativi per studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale per Geometri “Masullo”; Gennaio – Febbraio 2007, Nola (NA).
  • Ideazione e realizzazione del seminario di formazione regionale “L’Africa e il Commercio Equo e Solidale”, in collaborazione con il Coordinamento Campano sul Commercio Equo e Solidale; 25 Febbraio 2007, Marigliano (NA).
  • Ideazione e realizzazione del seminario di formazione “Realtà di Cooperazione in Africa attraverso il Commercio Equo e Solidale”, in collaborazione con il Coordinamento Campano sul Commercio Equo e Solidale e l’Università Orientale di Napoli; 26 Febbraio 2007, Napoli.

  • Ideazione e realizzazione del Laboratorio di Riciclaggio della carta presso la sede sociale dell’associazione; novembre 2007
  • Organizzazione e gestione del seminario “Un’altra economia è possibile”? Esperienze di commercio equo e solidarietà tra Italia e Chiapas; giugno 2008
  • Ideazione e realizzazione del progetto “Eco-Pianeta” percorso didattico/laboratorio su materie prime, riduzione, riutilizzo e smaltimento dei rifiuti, presso l’Istituto Comprensivo Beethowen di San Vitaliano, in collaborazione con l’Assesorato all’Ecologia del comune di San Vitaliano; gennaio/maggio 2011.

Contatti:

email. ass.utopia@libero.it,

telefono. 3391128027 carmine fusco – gruppo scuola

——————————————————————————–

Gennaio Maggio 2011          

Progetto “Eco-Pianeta” percorso didattico/laboratorio su materie prime, riduzione, riutilizzo e smaltimento dei rifiuti, presso l’Istituto Comprensivo Beethowen di San Vitaliano, in collaborazione con l’Assesorato all’Ecologia del comune di San Vitaliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Comments links could be nofollow free.