Il Caffè della Rivoluzione: buona la prima!

Grande successo per l’iniziativa a staZIONe UtOpiA.

Domenica 12 febbraio si è svolto l’incontro di presentazione del progetto Tatawelo in Chiapas (Messico), e della Campagna di Prefinanziamento del Caffè
Tatawelo, un caffè zapatista, equo-solidale, prodotto in piena trasparenza e nel
rispetto dell’ambiente e delle persone; un caffè buono e giusto.

Una folla di curiosi ha invaso staZIONe UtOpiA, per l’iniziativa,
promossa dal collettivo utopia nell’ambito della riqualificazione
a gestione popolare dell’ex circumvesuviana: le persone, attratte dalle
tazzine di caffè fumanti, offerte in strada dal collettivo utopia, si
sono poi intrattenute prima all’incontro con Walter Vassallo e Dulce Pontes,
rappresentanti da Torino di Tatawelo, e poi allo spettacolo teatrale “Recinzioni”, a
cura del Teatro Contadino Libertario da Firenze.

La giornata, soleggiata e primaverile, è trascorsa in un’atmosfera
frizzante, grazie anche alla presenza di Gianroberto Iorio, artista eclettico di
Marigliano, che ha accompagnato i bambini festosi in un laboratorio creativo di
scrittura con la polvere di caffè.

Un altro evento culturale, dunque, a staZIONe UtOpiA, ad opera del
collettivo utopia e dei tanti sostenitori, morali e materiali, di questo ambizioso
progetto; il sogno, l’intenzione e la capacità di autogestione per recuperare un’area
pubblica abbandonata al degrado e trasformarla per sempre in un luogo di cultura
indipendente.

Quello che una volta era un banale immondezzaio, oggi è un giardino
dove fioriscono idee.

Tutti coinvolti…staZIONe UtOpiA continua…

This entry was posted in sul territorio. Bookmark the permalink.