Il Caffè della Rivoluzione: storie di produzione e ribelli territori messicani del Chiapas 12022017

                                                   Campagna di Prefinanziamento per il Caffè Tatawelo 2017, domenica 12 febbraio dalle ore 10,30 a staZIONe UtOpiA 

 

 

Il programma
ore 10,30 – Degustazione gratuita del caffè tatawelo-excelente
– Caffeina Polvere & Arte: Disegnare con la polvere, laboratorio per tutte a cura di Gianroberto Iorio

ore 11,00 – Incontro con Dulce, Walter e Cristina dell’Associazione Tatawelo di Torino (http://tatawelo.it/)

ore 12,00 – Recinzioni: “in principio era l’uomo e la terra, poi venne il confine”.
Piece teatrale sulla genesi della guerra con il Teatro Contadino Libertario di Firenze.

“Ah! Che bellu ccafè!”. Così, si sente esultare a ogni ora nei bar di Napoli. Ma quanto è “giusto” quel caffè? Dentro quella tazzina c’è molto di più dell’ottimo infuso conosciuto da secoli e preferito da milioni di persone nel mondo. Da anni, contadini e organizzazioni umanitarie, locali e internazionali, denunciano storie di sfruttamento, povertà e miseria delle popolazioni, distorsione del mercato da parte delle grandi aziende a danno dei piccoli produttori autonomi e inquinamento dell’ambiente dovuto all’uso sproporzionato di prodotti chimici.

In questi anni, però, ci sono state delle vere e proprie “ribellioni pacifiche” a tutto questo: alcuni produttori locali – schiacciati ed esclusi di fatto dal mercato delle multinazionali – in collaborazione con realtà internazionali no-profit e trasparenti, producono caffè nel rispetto della natura e dell’individuo, garantendo una giusta retribuzione e sostegno a progetti di emancipazione sociale e miglioramento delle condizioni di vita.

Un caffè buono e giusto. Questo avviene grazie al prefinanziamento; uno strumento di credito solidale dal basso che offre al consumatore la possibilità di diventare protagonista responsabile del processo produttivo e al piccolo produttore di acquistare gli strumenti necessari alla raccolta del caffè, la sua lavorazione, logistica e trasporto al porto d’imbarco sottraendosi ai prestiti usurai che gli intermediari delle multinazionali (coyotes) cercano di imporre per controllare il mercato mondiale del caffè.
L’obiettivo è quello di garantire la strutturazione di una filiera etica e trasparente dal produttore fino al consumatore. Questa modalità di produzione e commercio del caffè, in Italia è promossa dall’ associazione Tatawelo di Torino che importa direttamente un caffè verde dal Messico, a sostegno dei produttori delle comunità ribelli nella regione del Chiapas.

In Campania la rete di sostegno – formata da CortoCircuito Flegreo di Pozzuoli, il Gruppo di Eboli, il Collettivo Utopia di Marigliano, Le Cerase di Caserta, Rete Radiè Resh di Salerno – organizza una serie di incontri di presentazione del progetto TATAWELO e promozione della campagna di prefinanziamento 2017 con Dulce Chan Cab, Walter Wassallo e Cristina Cozzi portavoci dell’Associazione Tatawelo.

Di seguito il calendario degli incontri campani:
VENERDI 10 ore 19 presso PantaBio – Pozzuoli
SABATO 11 ore 19 presso ex Asilo Filangieri – Napoli
DOMENICA 12 ore 10,30 presso staZIONe UtOpiA – Marigliano

info: collettivoutopia.noblogs.org – collettivoutopia@bruttocarattere.org

-- 
collettivoutopia.noblogs.org

 

Parte allegato al messaggio

                                         

in caso di mal tempo la manifestazione si sposterà all’ex chalet di via Roma, nei pressi della villa comunale

This entry was posted in sul territorio. Bookmark the permalink.